Torna a SIC BlogSIC Blog → romanzo storico

Vanni Santoni intervista Wu Ming sull'Armata dei Sonnambuli

Domenica 18 maggio alle 17:00, nell'ambito di Inchiostri Ribelli, il collettivo Wu Ming presenterà il suo nuovo romanzo L'armata dei sonnambuli al CSA nExt Emerson. Per l'occasione, il cofondatore SIC Vanni Santoni li ha intervistati per il dorso toscano del Corriere della Sera. Il pezzo è leggibile qui.

 

Specialone + Primo Amore

Segnaliamo la pubblicazione, sul sito di minimum fax, dello "speciale In territorio nemico", che include una lunga intervista di Nicola Lagioia ai due fondatori Gregorio Magini e Vanni Santoni, una "sitografia ragionata" e una piccola cronologia del progetto.

Segnaliamo altresì questa bella recensione di Sergio Nelli appena uscita su Il Primo Amore.

 

Intervista SIC su Youthless

Youthless Fanzine intervista i fondatori SIC Gregorio Magini e Vanni Santoni su In territorio nemico (attenzione: contiene bibliografie ^_^''')

 

Il Pinterest e un pezzo

Minimum fax ha aperto il Pinterest di In territorio nemico, dove stiamo raccogliendo, oltre alle foto degli autori (facce nuove anche per noi, che abbiamo sempre lavorato on line) e un po' di propaganda (foto di mucchi di ITN nelle librerie italiane et similia), anche i materiali iconografici usati durante i lavori, comprese foto dei luoghi del libro oggi, con particolare riguardo per la Milano di Adele Curti.

Segnaliamo altresì questo pezzo su In territorio nemico di Daniele Duso, pubblicato da Sul Romanzo.

 

di scrittura collettiva e letteratura

Lo scorso 17 marzo su Nazione Indiana, una lettera aperta di Giuseppe Zucco, in risposta all'articolo di Vanni Santoni su La Lettura, aveva posto alcune questioni intorno alla scrittura collettiva.

Segnaliamo oggi la pubblicazione della nostra risposta, che è anche un'ottima occasione per fare il punto sullo stato del dibattito intorno al progetto SIC.

 
 

SIC a Londra (II)

Quattro anni dopo la prima trasferta SIC alla University of London, piccola pietra miliare nella nostra storia (e prima grande conferma del valore del progetto che ci sta dando oggi tante soddisfazioni), è giunto di nuovo il momento per le coorti della Scrittura Industriale Collettiva di calcare i suoi nobili corridoi.

Sabato 10 novembre (09:30-11:00) infatti, saremo ospiti, con un nostro intervento, di "Weighs like a nightmare", nono convegno annuale sul materialismo storico, presso la SOAS.
Il co-fondatore SIC Vanni Santoni e lo scrittore SIC Jacopo Galimberti interverranno nell'ambito del panel Tradition and the Italian Resistance con una lezione dal titolo Resistance and Collaborative Story-telling: In territorio nemico, a Novel with 115 Authors, nella quale, oltre a introdurre il metodo SIC, faranno il punto sul romanzo ormai di prossima uscita, e sulle origini del suo immaginario – il quale, oltre al periodo resistenziale in cui è ambientato, deve molto anche alla lotta politica negli anni '60 e '70 e alle narrazioni cinematografiche postmoderne.

 

e allora diciamolo

Oggi, in un'intervista a Affari Italiani, Cassini e Di Gennaro, fondatori di minimum fax, annunciano le novità del 2013. E ci siamo anche noi. In territorio nemico, aka "il grande romanzo aperto SIC", aka il primo romanzo a 230 mani della storia della narrativa, aka il primo romanzo collettivo ambientato durante la Resistenza, aka quel lavoretto da 924 schede individuali, 200 pagine di aneddoti e documenti originali, 6 versioni del soggetto, 24 schede personaggio definitive, 35 schede luogo definitive,18 schede trattamento definitive, 95 schede stesura definitive, 9 schedoni revisione e 6 ritiri di revisione, uscirà per i tipi di minimum fax nell'aprile 2013. Già da diversi mesi siamo al lavoro sulla revisione con Nicola Lagioia, editor di minimum, e tutto sta andando (ci pare) per il meglio. È il coronamento di un sogno collettivo cominciato con un'incursione alla Fiera di Torino e un racconto ambientato a Brusegana, in un 2007 che sembra oggi lontanissimo. Siamo molto felici.

 

 

 

Il titolo

Dopo lungo e gravoso ponderare, il titolo di lavorazione scelto per il Grande Romanzo SIC è

In territorio nemico

NB: il bando per proposte di titolo da parte di scrittori, direttori artistici e revisori rimane comunque aperto.

 

Lo stato dei lavori (VIII)

Il quinto ritiro di revisione è finito. Il Grande Romanzo SIC è finalmente privo di refusi, errori cronologici, imperfezioni, parti ancora da tradurre in dialetto e problemi di vario genere. Permetteteci quindi di dire che sono stati due anni entusiasmanti, e che anche nel duro e protratto periodo della revisione ci ha confortati il pensiero di aver condiviso un'avventura incredibile con altre 113 persone (sì, tecnicamente il romanzo non è a 200, ma a 230 mani) e la consapevolezza del grande valore del lavoro svolto. Ringraziamo tutti coloro che hanno partecipato al progetto, da chi ha inviato un solo aneddoto o scritto una sola scheda a chi ne ha scritte o composte decine, oltre ai bravissimi revisori il cui apporto è stato decisivo nella fase finale. Come dimostrano l'attenzione accademica che il progetto sta ricevendo e i primi interessamenti della stampa, l'impresa è di quelle senza precedenti. E concedeteci anche un momento per brindare anche al metodo SIC, che al suo quarto anno di vita ha superato la prova più grande, permettendo la realizzazione del primo romanzo a oltre 100 autori della storia della narrativa.

Nei prossimi giorni ultimeremo la bozza (ci sono ancora accorgimenti di impaginazione e piccole scelte da fare, non ultima quella del titolo) e la invieremo agli editori. Al momento siamo impegnati nel – non banale – calcolo delle eventuali royalties, che verranno stabilite in base al numero di schede scritte o composte da ciascuno, oltre che dal tipo di schede.

State con noi. A (molto) presto,
la redazione

 
Condividi contenuti